Menu Chiudi

Domande frequenti sulla dieta

“Se vado dalla dietista mi fa morire di fame!”

Un piano alimentare che fa soffrire il paziente è un piano sbagliato. Lo scopo di una dieta, qualsiasi sia il motivo per cui la si fa, è quello di poter essere sostenibile nel lungo periodo in modo da massimizzare gli effetti positivi.

Per questo è molto importante la prima visita, ci prenderemo tutto il tempo necessario per capire le tue esigenze e abitudini in modo da adattare il più possibile il percorso alimentare alla tua persona.

“Una mia amica pesa meno di me, se mangio come lei dimagrirò?”

Questo è uno degli errori più comuni (e pericolosi!). Siamo tutti individui unici, diversi e come tali rispondiamo in modo diverso agli stimoli ambientali e soprattutto “funzioniamo” in modo diverso.

Il peso corporeo, oltre che dalle abitudini alimentari, è influenzato dallo stile di vita, da fattori ormonali, patologie, vie metaboliche e non ultimi da fattori genetici. La personalizzazione della dieta deve tener conto di tutti queste variabili per poter essere efficace.

“Ma gli integratori fanno davvero dimagrire?”

Non esiste alcun integratore che faccia dimagrire, la maggiori parte dei prodotti pubblicizzati ha lievi effetti temporanei e spesso possono risultare anche nocivi.

L’unica strategia per perdere peso e migliorare la propria composizione corporea è una corretta alimentazione e uno stile di vita sano, che non sono sinonimi di pollo lesso e ore di palestra, ma di equilibrio e nuova consapevolezza.

“E’ vero che la colazione è il pasto più importante della giornata?”

In una alimentazione bilanciata ogni pasto è importante! La frequenza, composizione e impatto calorico dipendono dalle esigenze e dalla situazione del paziente, quindi ci saranno casi che necessitano di una colazione abbondante, altri invece che richiederanno di saltarla. Ogni piano deve essere studiato sulla persona per essere davvero efficace e sostenibile.

Cosa posso fare per la fame nervosa?”

La fame nervosa è un problema che affligge molti, spesso dovuta a stati ansiosi, paure o semplicemente noia e che in molti casi porta ad un aumento di peso. Il primo passo da fare è capire cosa induce questo bisogno di mangiare, successivamente si cercherà di modificare i pasti principali per renderli più soddisfacenti e sazianti.

L’importante è non sentirsi in colpa se si sgarra durante la giornata, ma iniziare un percorso di consapevolezza e conoscenza di se stessi per poter adottare strategie che ci aiutino a superare questi momenti.

“Mangio tanto ma dopo 2 ore ho già fame, perché?”

Prima di tutto bisogna capire se è davvero “tanto”, spesso abbiamo una percezione non reale di ciò che abbiamo nel piatto (in eccesso o in difetto).

Poi va analizzata la composizione dei pasti, la sensazione di fame che percepiamo poco a poche ore dalla colazione o dal pranzo è molte volte dovuta ad uno sbilanciamento dei nutrienti che ingeriamo.

Infatti un eccesso di carboidrati (la classica colazione cornetto e cappuccino), induce delle risposte metaboliche che in breve tempo porteranno la glicemia a scendere troppo con la conseguente sensazione di fame.

Bilanciare il pasto significa quindi renderlo più nutriente e più saziante durante la giornata e ci aiuterà a prevenire i frequenti snack extra.

Prenota ora il tuo appuntamento

Call Now Button